Non possiamo più aspettare

Noi Denunceremo Logo

Sosteneteci nella nostra battaglia

La gestione della seconda ondata pandemica e preannunciata dalla comunità scientifica dallo scorso aprile, oggi ci fa toccare le 59 mila vittime.

25 mila in soli due mesi. “L’Italia ha uno dei sistemi sanitari più forti, ma quando il Covid-19 è arrivato alle sue porte, il sistema italiano ha sfiorato il collasso. E questo ha creato il panico nel mondo.

Al termine della prima fase ed entrando in una fase di transizione verso la cosiddetta normalità, è tempo che l’Italia rifletta sulla sua riposta”, scrisse il direttore regionale dell’Oms per l’Europa Hans Henri P. Kluge nel famoso rapporto fatto sparire in 24 ore dal sito dell’OMS e ritrovato dal comitato Noi Denunceremo.

“Fare memoria significa anzitutto ricordare i nostri morti e significa anche assumere piena consapevolezza di quel che è accaduto. Senza cedere alla tentazione illusoria di mettere tra parentesi questi mesi drammatici per riprendere come prima. Ricordare significa riflettere, seriamente, con rigorosa precisione, su ciò che non ha funzionato, sulle carenze di sistema, sugli errori da evitare di ripetere”, disse il Presidente Sergio Mattarella nel suo discorso presso il Cimitero Monumentale di Bergamo lo scorso Giugno.

I dati di questi mesi farebbero impallidire dalla vergogna qualsiasi persona dotata di senno. Sosteneteci nella nostra battaglia.
Aiutateci a cambiare le cose.

Fai una donazione qui.

Lascia un commento